<

Renata De Bonis

Summer

21.06.2018 – 18.09.2018

Via San Francesco da Paola 12/d, 10123 Torino (IT)

 

ALLEY is the project room of Giorgio Galotti gallery. In 2017 it moves to an antique 1700’s vitrine in the center of Turin to invite international artists to present site specific interventions, one for each season.

Renata De Bonis (Sao Paulo, 1984) is the artist invited to elaborate an intervention for the Summer vitrines. For the occasion, the Brazilian artist will present the project Yours Truly. The work is composed by modifying the function of the two preexisting vitrines, transforming it into a discrete expositor of private affairs. Objectively the vitrines will become a public mailbox open for the entire duration of the project, in which anyone in the world will be able to send letters, postcards and contributes by mail. During these months the owners of the shop will perform a 'curatorial' task periodically selecting, opening and give attention to some of the contributes, placing them in the neighboring showcase. This simple change will transform the mail storage into an accumulation of time and distance through the piling of letters that have traveled extensively in order to reach their final destination. In such sense the work is also a collaborative piece in which anyone can send contributes that will cyclically be exhibited to passersby the street.

 

IT

ALLEY è la project room della galleria Giorgio Galotti. Nel 2017 si trasferisce in un’antica vetrina del 1700 situata nel centro storico di Torino per invitare artisti internazionali a presentare interventi specifici, uno per ogni stagione.

Renata De Bonis (Sao Paulo, 1984) è l'artista invitata ad elaborare l'intervento per le vetrine estive. Per l'occasione, l'artista brasiliana presenterà il progetto Yours Truly. L'intervento è composto apportando una modifica strutturale alle due vetrine preesistenti le quali saranno trasformate in una cassetta postale pubblica trasparente che resterà aperta per l'intera durata del progetto, fino alla fine dell'estate, accumulando la posta che sarà ricevuta durante i mesi e dando la possibilità a cui chiunque nel mondo di inviare lettere, cartoline e contributi cartacei. I proprietari del negozio avranno poi il compito 'curatoriale' di selezionare ed esporre periodicamente un contributo alla volta nella vetrina adiacente. L'intervento tenterà inoltre di trasformare lo stoccaggio visivo della posta in un accumulo di tempo e distanza, che muterà con il passare dei giorni e sarà visibile attraverso il vetro. In questo modo l'intervento dell'artista prenderà le sembianze di un'opera collettiva attraverso il ricevimento di contributi che verranno ciclicamente esposti ai passanti.