<

Atomi

Ludovica Anversa

Andrea Bocca

David Casini

Alessio Gianardi

Miriam Gili

Andrea Magnani

Mandalaki

Andrea Noviello

Marco Paltrinieri

Jacopo Rinaldi

Giulio Saverio Rossi

 

Interior design: Stefano Bongiorno

 

16.06.2020 – 20.09.2020

Tuesday–Sunday by appointment*

guided tour by appointment every Wednesday at 6.30pm

 

Giorgio Galotti Motelombroso

Alzaia Naviglio Pavese 256, Milan (IT)

 

Reviewed by: ADL’Officiel

 

EN

After the long period of isolation, on the occasion of the reopening to the public, Motelombroso is pleased to host a special project by Giorgio Galotti gallery with the aim of investigating the process of relationships between artworks in dialogue with the architecture of the venue.

The project presents a group of Italian artists born in the 70s, 80s and 90s that have realized a series of interventions for the indoor and outdoor environment, initiating a spontaneous interaction that belongs to the identity of the place to reach its guests. The exhibition path highlights the relationship between artwork and space, through a correspondence of different languages, from the traditional one to a more technological one, with the aim of composing a common energy dictated by identities collaborating for a unique purpose. Some artworks whispers references that urge the imagination, some others presents themselves in a more explicit way by generating a site specific exhibition composed by visual sensations, poetic references and sound interactions able to bring to the mind primordial experiments out of the institutional contexts, to narrate today's reality through a multi-sensorial circuit.

*N.B.: in compliance with national regulations, the access to the exhibition is foreseen for maximum 15 people every 30 minutes. Please send an email to hello@giorgiogalotti.com to book your visit. Do not forget to bring the face mask with you.

We want to thank Pia Bianchi for her support to make this project happen.

 

IT

Dopo il lungo periodo di isolamento, in occasione della riapertura al pubblico, Motelombroso ha il piacere di ospitare un progetto speciale della galleria Giorgio Galotti con l’intento di indagare il processo di relazioni che si instaurano tra opere d’arte in dialogo con la struttura architettonica del luogo.

Il progetto si basa sul coinvolgimento di un gruppo di artisti italiani nati negli anni ’70, ’80 e ’90 che per l’occasione hanno elaborato una serie di interventi per gli ambienti interni ed esterni, avviando un’interazione spontanea che parte dall’identità del luogo per giungere ai suoi ospiti. Il percorso espositivo mette in luce il rapporto tra opera e spazio, attraverso una corrispondenza di linguaggi diversi, dall’arte più tradizionale fino al design più tecnologico, con l’obiettivo di comporre un’energia comune dettata da personalità differenti che collaborano per un unico fine.  Alcune opere sussurrano riferimenti che sollecitano l’immaginazione, altre si presentano in modo più esplicito generando una mostra ‘site specific’ composta di sensazioni visive, rimandi poetici ed interazioni sonore che richiamano alla mente esperimenti primordiali fuori dai contesti istituzionali, per raccontare la realtà odierna attraverso un circuito multisensoriale.

*N.B.: in osservanza delle normative nazionali l’accesso alla mostra è previsto per massimo 15 persone ogni mezzora. Per prenotare la visita vi preghiamo di inviare una mail a hello@giorgiogalotti.com. Non dimenticate di portare con voi la mascherina.

Un ringraziamento speciale a Pia Bianchi per il suo supporto al progetto.

     

   

   

 

ph.credits Marta Cosca